28.04.2014 Diario Apistico

Questa settimana il tempo sembra essersi fermato, fra giorni di festa, tempo variabile, acacia che non fiorisce e api che non salgono a melario mi sembra di essere immobile sospeso ad un filo.

Acacia nuvole Lunedì è il primo giorno della settimana dedicato ai traslarvi per la produzione di celle reali e per non perdere il ritmo ho fatto quindi tre stecche da 14 prelevando le larve dalla migliore madre non trattata. Ora il prelievo delle larve va molto meglio, riesco a trovare larve di 12/24 e uso con più disinvoltura il picking ed effettivamente questa è la parte più semplice nel ciclo di allevamento delle api regine.

Nel pomeriggio siamo andati a fare un giro insieme a tutta la famiglia e lungo le strade si vedeva l’acacia fiorita mentre nel cielo iniziavano ad incombere nuvoloni neri.

Taglio erbaMartedì ho approfittato della bella giornata per tagliare le erbacce intorno all’apiario per la pappa reale in previsione di un ampliamento delle colonie dopo la raccolta dell’acacia. Le altre volte mi aveva aiutato mio fratello con il decespugliatore e ho notato che le api diventano nervose per il rumore. Non era possibile tagliare l’erba perché le api ci assalivano. Mi sono attrezzato e questa volta ho usato la classica falce svolgendo egregiamente il lavoro. Prima di pranzo ho fatto il giro dei cassettini per il conteggio della Varroa e ho controllato i due nuclei di fecondazione con telaini piccoli che ahimè non si possono ancora dividere.

Ho dedicato un paio di ore del pomeriggio a sistemare l’officine e iniziare a realizzare qualche porta stecche da melario.

Disegno SofiaMercoledì e giovedì non ho avuto molto tempo a disposizione per le attività apistiche, sia per il cattivo tempo sia perché la piccola Sofia vuole giocare. Ho continuato a lavorato in officina per realizzare i porta stecche e approfittando di un lieve miglioramento del tempo ho fatto i traslarvi del giovedì.

Venerdì ennesimo risveglio con problema sulle celle in incubatrice. Questa volta a creare problemi sono state le formiche che, nonostante avessi preso precauzioni, sono riuscite a farmi fuori tutte quelle appena nate. Morale della favola: è dal 13 marzo che faccio traslarvi e non ho ancora una regina vergine.

Sciroppo MelariSempre nella mattinata ho fatto la visita delle colonie nell’apiario per la produzione di regine e pappa reale e solo una presentava celle di sciamatura. Ho stretto su 6/7 telaini le famiglie che potevo e spruzzato i telaini da melario con sciroppo al 50% per agevolare la salita.

Sabato non è stata una bella giornata, sia per l’influenza sia per la gran fatica fatta fino ad ora senza grandi risultati. Ho deciso quindi di staccare un po la spina e passare un po’ di tempo con Milena e Sofia.

Escludi starterDomenica, approfittando della bellissima giornata di sole, ho controllato per l’ennesima volta se le api fossero salite a melario e con grande soddisfazione ho notato che lo sciroppo qualcosina l’ha fatto. Ho notato però che gli starter pur essendo più forti non erano ancora saliti, probabilmente per l’escludi regina orizzontale, ho quindi pensato di toglierlo e metterci uno spezzone solo nella parte dove si trova il porta stecche. Il vantaggio di avere una propria officina è che ti permette di realizzare qualsiasi soluzione uno voglia mettere in campo.

Nel pomeriggio è tornato ancora il cattivo tempo e pioggia e mi sono rinchiuso in casa a lavorare al PC.

La prossima settimana si saprà se quest’anno ho raccolto acacia.

Continuate a seguirci!

5 pensieri su “28.04.2014 Diario Apistico

    1. ho visto il filmato ma non ho capito neanche io. diceva oli essenziali. Priva con bucce di limone o tare del caffe nel coprifavo.

      1. Il mio ragazzo aveva trovato una ricetta su come fare tipo un macerato con delle foglie di tabacco, l’anno scorso ha provato a farlo (ha comprato dei sigari appositamente per macerarli) , un po’ ha ridotto la presenza delle formiche ma non si può dire che sia riuscito a scacciarle

  1. Ciao, ho letto con attenzione tutto il blog. Bello. Complimenti anche per il metodo di lavoro che ha condotto. Ora però sono curioso di sapere come procede tutta la tua attività….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *